Recensione. Io sono il castigo

Sinossi ufficiale

Un tipo eccentrico, così viene definito da chi lo conosce, il Pm Manrico Spinori della Rocca, Rick per gli amici, gentiluomo di antiche origini nobiliari, affascinante, un po’ donnaiolo e con una madre ludopatica. Ma anche i più scettici devono fare i conti con la statistica: nel suo mestiere è bravissimo. In più non perde mai la calma, cosa che gli torna utilissima quando si trova a indagare sulla morte di Ciuffo d’oro, famoso cantante pop degli anni Sessanta poi diventato potente guru dell’industria discografica. Subito era parso un incidente stradale, ma non è così: qualcuno lo ha ucciso. Del resto, alla vittima, i nemici non mancavano, per il movente c’è solo da scegliere. Rick, coadiuvato dalla sua squadra investigativa tutta al femminile, si mette dunque al lavoro. E fra serate musicali, vagabondaggi in una Roma barocca e popolana, cene grottesche con aristocratici incartapecoriti, arriverà ancora una volta alla soluzione del mistero. «Il secondo atto si spense nel silenzio. Finalmente partì l’applauso. L’uomo dai capelli grigi si alzò e si diresse verso il foyer per un calice di vino. In quel momento gli vibrò il cellulare. Lesse il messaggio, sospirò, e scuotendo la testa uscì dall’edificio, avviandosi al vicino parcheggio di taxi. Il suo nome era Manrico Spinori, sostituto procuratore della Repubblica in Roma. Quel mercoledì era di turno ed era stato convocato in ben altro teatro».

Recensione

Il primo caso di Manrico Spinori riguarda l’omicidio di un noto cantante pop degli anni Sessanta, Ciuffo D’Oro. Molto hanno il movente e l’occasione: la seconda moglie, il giglio, un giovane trapper ma la verità è un’altra e il tenace pm riuscita a scoprirla guidato anche dalla sua passione per l’opera .

Affascinante, metodico, melomane: questo è il protagonista seriale creato da De Cataldo, un uomo che in questa prima indagine deve fare i conti con un terribile dilemma, ci si può fare giustizia da soli? Attorno a lui la Vitale, la Orru e la nuova arrivata, l’ispettora Cianchetti, un po’ coatta e molto istintiva danno manforte al nostro protagonista nel risolvere il caso.

Una bella squadra che deve ancora amalgamarsi, rischiando sulle prime di isolare l’ultimo acquisto. Ad aggiungere un pizzico di fascino in più ci sono le avventure di Spinori con la bella Maria Giulia.

Non vedo l’ora di leggere il secondo caso della serie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...