Blog tour Ricordami: presentazione personaggi


MAMMA
La co/protagonista del libro. Ha vinto tanti premi per la sua bellezza, per la sua eleganza, per il suo sorriso. Era protagonista, una bellezza vera, poi nel tempo, è diventata spettatrice. Fiera nel suo sguardo, imponente nella sua eleganza. Severa, malinconica, dolce e fragile.

PAPA’’:
Il principe azzurro. A lui, Daniela Poggi, scriveva lettere d’amore quando era una ragazzina. Facevano a gara a raccogliere le pesche sull’albero al mattino. Un uomo dalla forte personalità che ha condizionato sempre la scelta dei suoi compagni. Morto troppo presto, non l’ha vissuto nella sua anzianità.

NUCCIA:
Amica con la quale Daniela è partita per il folle viaggio in Sud America. Abbigliamento doc (dal libro): “Coulotte di seta rosa con top uguale, camperos di Francois Villon. Saranno la mia coperta di linus, ovunque io, ovunque loro. Nuccia coulotte verde acqua e top uguale, camperos di un’altra marca, non ricordo. Una bionda, lunghi capelli, magra, alta, pelle chiara. L’altra viso e capelli alla Jane Fonda, alta magra, pelle olivastra. Posso dirti che eravamo due sventole italiane in Colombia all’avventura.”

ROBERTO:
Primo amore adolescenziale con il quale Daniela si è poi fidanzata.
“Per lui mi sono ubriacata quell’estate del ‘66. Non ti ho mai detto la verità, mi vergognavo. Una sbornia schifosa, vino rosso e birra. Ho vomitato come un’ossessa, dopo. Ma prima ho perso i sensi e mi sono ritrovata a casa da te senza che me ne accorgessi. Non ricordo chi erano gli amici che mi hanno salvata. Alla festa di Lucilla. Lui era fidanzato e non mi guardava mai. Io ero pazza di lui da quando avevo 9 anni, dei suoi occhi verdi e di quel sorriso dolcissimo. Volevo mi invitasse a ballare. Lo volevo solo per me. Ormai ero grande, i miei favolosi 13 anni esplodevano, ero una signorina. Ho fatto di tutto per farmi notare quella sera”

(Estratto da libro)

ROBERTO AMORE COLOMBIANO:
”Incrocio i suoi occhi, belli come quelli di Gesù di Nazareth, capelli un po’ lunghi morbidi, nero castano, il suo sorriso mi penetra ovunque, la sua voce mi chiede come mi chiamo e la saliva mi manca, la lingua resta appiccicata al palato, sono emozionata all’ennesima potenza.”

(Estratto dal libro)

LUIS IL PAZZO DI SANTA MARTA:
“Il figlio di Miguel, Luis, era riuscito a contenersi ma con l’arrivo della mezzanotte eccolo uscire nella sua vera identità, cappello texano in testa, lunghi capelli castano chiaro e una cicatrice sulla guancia destra, in mano un fucile, inizia a sparare come un ossesso in alto, in largo e in lungo, probabilmente sotto effetto di qualcosa che si era preso. Tutti scappiamo, terrorizzati, nelle varie direzioni, ci nascondiamo sotto i tavoli, corriamo giù in spiaggia, qualcuno si butta in mare, tra urla e risate idiote, temo il peggio ancora una volta. Luis urla al mondo che mi ama e mi vuole. Aiuto è pazzo, per favore calmatelo, toglietegli il fucile dalle mani, questo ci spara senza neppure accorgersi di averlo fatto.”

(Estratto dal libro)  

PRODUTTORE:
”Un giorno sono andata da un produttore famoso che doveva iniziare un film. Mi sono presentata tutta vestita di nero: gonna a pieghe lunga fino alle caviglie, ballerine ai piedi, maglioncino nero collo alto, capelli tirati indietro con la coda di cavallo, occhialetti rotondi da vista, totalmente struccata.

– Voglio dimostrare ciò che so fare, recitare, commuovere, far ridere, non voglio fare solo la bella attrice o meglio il bel corpo- sproloquiai.
-Scusi ma lei è bellissima perché vuole distruggersi? mi faccia vedere il suo book fotografico- mi rispose lui seraficamente.
-Lei ha una grande fortuna, è bella, con un corpo fantastico, è una ragazza intelligente, quello che ha fatto ha già dimostrato che è anche brava, deve solo perseverare, lottare e studiare, stia tranquilla che riuscirà ad imporsi come vuole lei – concluse e mi congedò affettuosamente”.

(Estratto dal libro)
Grazie a lui, Daniela, ha capito che l’una non esclude l’altra.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...