Review party. Cara Cass, buon Natale

Sinossi ufficiske

Quest’anno sento particolarmente l’atmosfera natalizia, non so per quale motivo, non mi capitava da tanto tempo. Solo che sono stata costretta a stare a casa per parecchio e quindi ho pensato di addobbarla molto in anticipo, per farmi scaldare il cuore dal le luci dell’albero e dalle statuine del presepe.

Recensione

In questa atmosfera così gioiosa e piena di luce oggi vi parlo della novella natalizia di Roberto Longo, un’autrice che ho scoperto da quando ho aperto il blog e la pagina instagram lo scorso anno.

Questo è il suo terzo lavoro che leggo e finora sono rimasta incantata dalla sua capacità di rendere in modo profondo e coinvolgente i sentimenti dei suoi personaggi, le loro ansie, i loro batticuori, le loro paure.

In questo racconto vediamo cosa succede ai protagonisti del libro La vita che mi hai lasciato, un testo molto commovente, una storia che va decisamente letta con un pacchetto di fazzoletti a portata di mano, perché le lacrime scendono copiose. La stessa cosa succede anche nella lettura di questa breve novella, ambientata in uno dei periodi più belli dell’anno, ma paradossalmente anche un periodo in cui si sente di più la mancanza delle persone care che ci hanno lasciato. Ed è proprio con questo spirito di gioia per la celebrazione della festività e di dolore allo stesso tempo per la mancanza di Cass, che Dong, Clary, Ilaria e gli altri personaggi affronteranno questa giornata. È molto bello vedere come ai capitoli in cui si sviluppano le vicende dei vari protagonisti si alternano le lettere scritte a Cass dal compagno, dalla figlia, dall’amica, dalla madre e anche da altri che ora non voglio svelare per non spoilerare troppo e rovinare il piacere della lettura a chi ancora non conosce questa novella.

Ho imparato a nuotare ormai e, credo, di dover essere un po’ fiero di questo. Fiero e grato.

C’è un luogo, dentro di me, che appartiene e apparterrà sempre a te.

È lì che tornerò alla fine dei miei giorni, dove il mio cuore ha il suo posto sicuro.

Ma nel frattempo, amo ancora, sorrido ancora. Vivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...