Review party. La vita che mi hai lasciato

Roberta Longo

Self publishing

Pagine 262

Prezzo 9,90 €, eBook formato Kindle 2,99 €

Se qualcuno mi avesse detto che per amare il ragazzo taciturno dell’università avrei dovuto vivere tutta questa guerra, non ci avrei mai creduto. Ma in fondo la vita è questa… scorre, allaga e tu devi solo imparare a nuotare per tornare a riva.

Sinossi ufficiale

Quanto amore puoi dare in una vita? Se lo chiede Cassandra, ogni volta che stringe la mano di Dong, che si perde nel suo sguardo duro ma pieno di emozioni, che lo vede sorridere e liberarsi dalle zavorre del passato. Se lo chiede Dong, ogni volta che stringe sua figlia tra le braccia mentre cerca un modo per essere un padre capace, ogni volta che la solitudine lo attanaglia e una vita che non ha scelto lo travolge. Sono insieme, sono soli. Sono due anime che si sono trovate e hanno percorso insieme chilometri alla ricerca di un posto in cui amarsi senza timori, che hanno capito che quel posto erano loro, ma hanno finito per non trovarsi più.La storia di una seconda possibilità che non sempre arriva, di una tempesta sempre pronta a esplodere e la continua, inesorabile, voglia di vivere e amare al massimo.

Recensione

Chi deciderà di leggere questo libro deve essere pronto a farsi travolgere dalle emozioni.

Roberta Longo ci racconta una storia potente di amore e sofferenza, di dolore ma anche di speranza, una storia che in definitiva parla della vita. E lo fa attraverso tre personaggi: Cassandra, Dong e la piccola Clarissa.

I primi due vivono un amore straordinario, ostacolato non solo dalle differenze caratteriali ma soprattutto dal fatto di appartenere a due mondi e a due culture completamente diversi.

Il personaggio che mi ha toccato di più il cuore è Dong, con le sue incertezze e le sue fragilità messe a nudo nelle lettere che scrive al suo amore perduto, con la sua paura di non essere un padre capace, all’altezza del compito che deve svolgere da solo.

Anche la piccola Clarissa mi ha conquistata attraverso le descrizioni e i racconti di Dong: durante il libro la vediamo crescere sempre di più , muovere i primi passi, andare al nido, poi alla materna fino ai suoi 18 anni, narrati attraverso gli occhi pieni d’amore del padre.

E poi c’è Cassandra, che parlando in prima persona ci fa entrare nella sua vita, ci fa palpitare il cuore per il suo amore per Dong, ci fa indignare insieme a lei per la possibilità di essere felice che le viene tolta.

Che dire? Un libro che mi ha davvero emozionata, mi ha fatto piangere e sperare, che mi ha conquistato dalla prima all’ultima pagina.

2 pensieri riguardo “Review party. La vita che mi hai lasciato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...