Segnalazioni Edizioni Dialoghi

Scilly, la scimmietta di peluche, aspetta soltanto di essere adottata. Seduta sul suo scaffale, attende nel negozio di giocattoli della signora Agata. Fortuna che, un bel gior-
no, i suoi occhi incontrano quelli di papà Zorro e mamma tutta rosa, ed è subito come sentirsi a casa! Inizia per la dolce scimmietta una nuova vita accanto alla piccola Mia e ai suoi genitori, una vita fatta di piccole sorprese e nuove sfide, che sa insegnare a ogni bambino il valore dei sogni e dell’amicizia.


Paola Carenti è nata a Savona nel 1978 e attualmente vive in Alto Adige. Ha lavorato come attrice, regista e autrice sia per il teatro di prosa che per il teatro ragazzi. Scilly – La mia vita straordinaria è il suo primo libro.

In un mondo pregno d’odio, violenza e superficialità, l’amore, ritenuto ormai una falsa credenza, è diventato
la più grande convinzione limitante dell’essere umano. Nonostante per i buoni sentimenti il quadro non sia idilliaco, un ragazzo di nome Alan Wilson continua a credere di poter amare, in controtendenza con ciò che lo circonda. Il protagonista tenta di ritagliarsi uno spazio in cui le sue fantasie possano essere comprese, anche a costo di sentirsi svalutato e solo, sia nell’orbita familiare che scolastica, in apnea nel percorso tra le difficoltà adolescenziali e i primi passi nel mondo degli adulti.
In un’impari e disperata lotta contro il male, dove gli eventi della vita sembrano infliggere colpi sempre più duri, esistono due possibilità: lasciare che il mondo ti cambi o riuscire a cambiare il mondo da solo.


Gianluigi Cacciapuoti è nato a San Benedetto del Tronto (AP) nel 1995 e vive a Napoli. È un danzatore professionista e un appassionato di psicologia. Alan Wilson – Canta i battiti del tuo cuore è la sua prima pubblicazione.


Il 9 marzo del 2020 il governo ha dichiarato zona rossa l’intero territorio italiano. È scattato così il lockdown, una misura che ha coinvolto l’intero Paese e costretto tutti a modificare le proprie abitudini per fronteggiare il Covid-19. In prima linea, a contatto col pubblico, sono però rimaste alcune categorie professionali: questo diario riporta la testimonianza di Monica, cassiera di un supermercato di Viterbo. Scorrendo le pagine si rivivono le tappe salienti di un periodo difficile e atipico: tra i tanti clienti ligi al dovere e rispettosi del lavoro altrui, sono apparsi alcuni “perso- naggi” per nulla persuasi dagli inviti alla prudenza… Malgrado ciò, dietro alla mascherina il sorriso della protago- nista si è propagato nei gesti di una quotidianità da riscri- vere, da affrontare con la consapevolezza che dietro allo spettro della pandemia è possibile scorgere un nuovo inizio.


Monica Saraca è nata a Roma nel 1965. Diplomata al liceo classico, coltiva la passione per il teatro, la scrittura e la poesia; ha ricevuto diversi riconoscimenti per le sue attività artistiche. Questa è la sua prima pubblicazione.

Come l’orchidea nel cemento è il viaggio interiore dell’autrice verso la più profonda autoconsapevolezza, un percor-
so compiuto per se stessa, da condividere con gli altri. Attraverso le pagine di un diario e differenti tipologie di linguaggio, Annalisa Anastasi racconta di forza interiore e resilienza, di come una persona possa sbocciare al meglio anche grazie alla propria fragilità.


Come l’orchidea
nel cemento
Sopravvivere in un mondo che vuole cambiarti

Annalisa Anastasi è nata a Messina nel 1985, ma vive a Udine. Giornalista professionista, nel 2017 ha creato il blog “Una mam- ma per reporter” dove parla di sogni, talento e disabilità non percepita come limite.

Nel mistico borgo di Logora, la vita non è facile per la quindicenne Sarah: in paese sono tutti spaventati da lei,
in famiglia nessuno vuole che usi gli strani poteri con cui è nata. Ma Sarah è una giovane decisa a essere padrona del proprio destino, per lei la fuga è l’unica strada verso la liberazione. Inizia così il viaggio della piccola Imperfetta, alla scoperta di se stessa e dell’origine della propria magia. L’incontro con i membri della Kleg e quello con il giovane Allen porteranno Sarah in un dedalo di intrighi, dove nes- suno è quello che sembra davvero e ognuno ha una buona ragione per mentire.


Daniele Murgia è nato a Sassari nel 1993 ed è imprenditore nel settore della formazione professionale. Piccola Imperfetta è il suo primo romanzo.

Racconti disprassici vuole far conoscere la disprassia dal pun- to di vista della persona affetta da questo disturbo totaliz- zante dello sviluppo che tocca, in sintesi, la coordinazione del corpo, ma si estende anche a tutti i campi della vita.
In Italia è poco studiata e conosciuta, spesso chi ne soffre viene considerato goffo o pigro, e vive spesso senza curarsi. In tal modo aumentano la bassa autostima, l’isolamento, e le difficoltà relazionali. In una serie di racconti seri e ironici allo stesso tempo, il protagonista descrive il suo modo di affrontare il problema, dall’infanzia all’età adulta, i suoi rapporti con gli altri, gli obiettivi da raggiungere, anche attraverso la lentezza, un valore da riscoprire in un mondo in cui l’efficienza e la velocità hanno preso il sopravvento sulla condizione umana.


Pierluigi Cuccitto è nato a Urbino nel 1981. È laureato in Beni Culturali e Ricerca storica. Ha pubblicato la favola fantasy Lo specchio è oltre (Sigismundus, 2013), i romanzi Il ragazzo in ritardo (Tabula Fati, 2017) e Nandèra. Il ragazzo della profezia (Apollo Edizioni, 2019)

Romantica fenice è una silloge in cui l’autrice attinge direttamente alle esperienze di vita, ai legami affettivi più importanti, mettendo al centro delle sue intime riflessioni anche le piccole cose quotidiane, apparentemente poco importanti ma che illuminano le emozioni e i sentimenti autentici che danno senso alla nostra esistenza. Si delinea così un percorso per- sonale della poetessa dentro di sé, per ritrovare ogni volta la poetica conferma alla sua umanità colma di speranza per un avvenire migliore.

Marika Migliore è nata a Palermo nel 1993. È un’educatrice cinofila. Romantica fenice è la sua prima pubblicazione.

Gian Maria ha ventiquattro anni e vuole mordere la vita. Ha nel cassetto un romanzo, frutto della propria arte, ed è disposto a tutto pur di trovare la strada verso la pubblica- zione. Tortuoso e maledetto, il percorso scelto dal ragazzo per soddisfare la propria ambizione si snoda tra presente e passato, tra gli amici di oggi e i bagordi di ieri. In un flusso di coscienza diretto e liberatorio, il protagonista racconta di se stesso, della sua vita e delle persone che vi gravitano attorno, mettendo su carta emozioni e desideri.


Gian Maria Donini è nato a Genova nel 1994. Da sempre appassionato di arti visive quali pittura e cinema, dopo essersi diplo- mato al Liceo Scientifico si avvicina anche al mondo letterario e della scrittura. Sulla traccia del sole è la sua prima pubblicazione.

Una ricostruzione dei momenti che hanno profondamente segnato la vita di tre giovani è il pretesto per inserire
in una vicenda familiare, nella quale si intrecciano e si susseguono amori, nascite, emozioni e miraggi, una descrizione degli eventi storici che hanno caratterizzato gli anni Quaranta. Le vicende sono narrate con discrezione, allo scopo di permettere al ventenne di quegli anni di rinnovar- ne l’immagine, e di far conoscere a chi ancora non era nato, in particolare ai ragazzi di oggi, le emozioni, le delusioni, le sofferenze e le speranze che hanno segnato la vita dei loro nonni, ai quali il periodo della spensieratezza giovanile è stato carpito dall’incalzare degli avvenimenti.


Vezio Bonera è nato a Milano nel 1924. Laureato alla “Bocconi”, ha svolto la sua attività lavorativa in qualità di dirigente ammi- nistrativo. Nel 2005, a ottantuno anni, ha pubblicato il suo primo romanzo Lo scrigno di latta, cui hanno fatto seguito Serenata a un angelo (2010), Tessere di un mosaico (2011), Pentagrammi musicali (2012), Un soffitto lucente di stelle (2013), Quella notte su Facebook (Alter Ego, 2014), La nostra forza (Alter Ego, 2015) e L’ultimo tassello (Scatole Par- lanti, 2019). Per Augh! Edizioni nel 2016 è uscita la sua prima sillo- ge poetica, Novantuno, seguita dalla seconda, Stelle lucenti (2017).

La parola che ricorre più spesso in questa nuova silloge di Franco Frainetti è “silenzio” e non è una casualità, perché Il cielo in bocca è un dialogo che l’autore intrattiene, pacatamente, con il proprio silenzio. Silenzio come “humus poetarum”, spazio in cui muoversi senza ferir nessuno. Queste poe- sie sono talmente leggere che sembrano sospirate, recitate attraverso persiane socchiuse, in momenti di docile sconforto e anche quando il poeta sem- bra avercela con qualcuno – ombra lunga della sua stessa paura – non riesce a inveire con una decisa e necessaria protesta, anzi, emerge una timidezza invincibile, assoluta.
(dall’introduzione di Ignazio Gori)


Franco Frainetti è nato nel 1949 a Sezze Romano (LT) dove tuttora vive e opera. Si è laureato in Architettura a Roma nel 1976. In seguito ha frequentato l’Accademia di Belle Arti di Frosinone dove si è diplomato nel 1986. Ha insegnato Storia dell’Arte in alcuni istituti d’arte e licei classici. Architetto, pittore e poeta, coltiva le sue passioni partecipando a conve- gni e dibattiti letterari e artistici. Come poeta si è distinto in vari concorsi letterari, nazionali e internazionali, ottenendo significativi riconoscimenti di critica e di pubblico. Le sue poesie sono state selezionate e inserite in numerose antologie e riviste. Ha pubblicato nel 2014 il libro Poesie (Edizioni Libreria Croce) e nel 2019 le sillogi Insofferenze (FusibiliaLibri) e L’ombra delle cose (deComporre Edizioni).

6 pensieri riguardo “Segnalazioni Edizioni Dialoghi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...