Blog tour. Il paradiso per sottrazione

Perché ho scritto questo romanzo

di Daniele Trovato

Tramite quale condizione esistenziale la narrativa, la fiction, la cinematografia e perfino il teatro ci hanno raccontato l’ultima, o forse la penultima generazione, visto che l’ultima deve ancora essere raccontata?

Lo hanno fatto, e non poteva essere altrimenti, tramite la condizione esistenziale del precariato.

Pensate adesso ai libri, ai film, alle fiction e alle opere teatrali, come questi giovani precari ci sono stati raccontati, attraverso quali stereotipi?

I giovani uomini sono spaesati, impacciati, frustrati, nevrotici, spesso svogliati e indecisi, con scarsa o scarsissima coscienza politica, inconsapevoli dei meccanismi profondi da cui discende la loro condizione, di buona indole e sempre passivi.

Le giovani donne sono preparate, secchione, sognanti, illuse, timide, saltuariamente isteriche, altrettanto inconsapevoli, di buona indole e sempre passive.

I miei precari, forse soltanto un’ipotesi, forse uno spicchio di realtà nonraccontata che alberga minoritaria in un’intera generazione e negli individui che la compongono, non sono così.

I miei precari sono disillusi, disincantati, scostanti, affilati come lame, perfettamente consapevoli del sistema che li opprime, vendicativi e pronti alla guerra.

Ho voluto raccontarli così in attesa di incontrarli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...