Review tour. Se tu lo vuoi io lo faccio

Sara Masvar

Independently published

Genere: Romance New Adult

Romanzo Breve

Sinossi ufficiale


Tradire è di certo un po’ sbagliare così come, però, è anche accettare che ci manchi qualcosa. Quel qualcosa che manca, qualsiasi cosa sia, è la prova che nella vita non bisogna mai accontentarsi di ciò che si ha, per quanto bello e “perfetto” esso sia. Non esistono il giusto o lo sbagliato assoluti, esistono però i momenti, le persone, gli attimi e i sentimenti che, per quanto possano farci o fare male, vanno vissuti. Punto e basta.
Questo è un romanzo breve sugli errori che non sono solamente errori e sui piaceri che non sono solamente piaceri.
Questa è la storia di Maya e Igor.
Questa è la storia di tantissimi come loro.
Questa è la storia di tutti.

Recensione

Questo romanzo, come tutti i romanzi di Sara, va dritto al cuore. Stavolta per me è stata una lettura molto dolorosa perché in un certo senso e con delle differenze mi sono trovata ad essere nella situazione di cui si parla nel libro, non nei panni di Maya e Igor, ma del partner tradito.

Quando si tratta di tradimenti non c’è una verità unica, oggettiva e uguale per tutti e ora proverò a chiarire la mia opinione in merito.

Tradire non significa necessariamente andare a letto con qualcuno che non è il proprio compagno di vita, si può tradire in tanti modi e la storia che ho letto ci mostra come al tempo di internet e dei social le occasioni possano essere molto più frequenti ed allettanti, misteriose ed intriganti. È facile approcciare qualcuno restando nascosti dietro uno schermo poi anche attraverso dei semplici messaggi può scattare qualcosa, una scintilla, che poi cresce, si alimenta, divampa come un incendio indomabile e travolge tutto e tutti.

Non mi sono mai trovata in questa situazione come parte attiva, ma solo dall’altra parte, però credo che quando una persona si senta incompleta, insoddisfatta del rapporto che ha, della persona che gli sta accanto prima di andare a cercare conforto, un orecchio che ascolta, un corpo da abbracciare, dovrebbe avere l’onestà di chiarire la situazione con il proprio partner, cercare di rimediare ad un’insoddisfazione dovuta a tanti motivi (routine, perdita di interesse, mancanza di amore) e se proprio non c’è soluzione si chiude la storia e ci si dedica ad altro.

Detto questo ho trovato la storia molto coinvolgente, lo specchio della società in cui viviamo e certi passaggi mi hanno ricordato il film Perfetti sconosciuti di qualche anno fa, solo che qui la passione è più forte e travolgente.

Sarà un luogo comune ma il libro mette in evidenza un fatto assodato: nella maggior parte dei casi uomini e donne intendono il rapporto amoroso in modo diverso, le donne sono più cerebrali, si interrogano di più, ne fanno una questione di cuore, di cervello e di pancia, gli uomini hanno un atteggiamento più sciolto, disinibito e in questa storia il maschietto non è che ci faccia una gran bella figura.

Comunque Sara riesce ad andare in profondità nei personaggi come pochi, ti da’ l’impressione di essere nella loro testa, sotto la loro pelle, nei battiti del loro cuore, tra le pieghe della loro mente, frastornata da dubbi e ansie. Ha uno stile incisivo e diretto, stavolta arricchito di un bel tocco piccante, un modo di parlare di sesso che non trascende affatto nella volgarità gratuita di certe scene erotiche che a volte si leggono.

Un libro che consiglio a chi vuole leggere una storia vera.

Estratti

Tu quel giorno era come se non volessi perderti niente di me, in quel momento sembravi l’unico uomo sulla terra a conoscermi davvero , di certo di me, in quel momento sembravi l’unico uomo sulla terra a conoscermi per davvero, di certo meglio di chiunque altro fosse passato lì prima di te.

Cos’è l’essere felici di fronte all’aver commesso un errore? Avrei sbagliato mille volte ancora se si fosse trattato di te. Nella vita l’importante è stare bene, essere felici, non pentirsene. D io di te non mi sarei pentito mai.

La natura di quella nostra cosa, qualsiasi cosa fosse, era così sbagliata eppure anche cosi’ giusta. Non per il mondo, nessuno a raccontarla avrebbe capito, era giusta per noi. E la colpa, se di colpa dovevamo proprio parlare, era di entrambi.

58

10 pensieri riguardo “Review tour. Se tu lo vuoi io lo faccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...