Review party. Cenerentola a Venezia

Annalisa A. M. Stancanelli

Black little dress

Sinossi ufficiake

Beatrice vive in un monolocale a Roma. Insegna in una scuola per stilisti e si lascia andare alle fantasie più sfrenate su una vita piena di viaggi e glamour. Sognare non costa nulla e non espone al pericolo delle delusioni, così non ci trova niente di male a inviare messaggi a Lucas Damon, un noto – e bellissimo – attore americano, che stranamente le risponde dalla sua pagina Facebook…

Quando all’improvviso Lucas la invita a incontrarlo a Venezia per il Festival del Cinema, Beatrice entra in crisi. Ci vuole un guardaroba all’altezza delle première e dei party esclusivi della Laguna. Come fare? Non potendo comprare outfit d’alta moda, ad aiutarla intervengono Isabella e Daniele, due fashion addicted. Che la favola di Cenerentola abbia inizio… a Venezia!

Recensione

Devo ammettere che all’inizio questo libro mi ha un po’ deluso perché la trama mi ricordava un po’ un altro Romance letto lo scorso anno, ma poi proseguendo nella lettura ho cambiato idea.

La trama si arricchisce di citazioni di versi di Dante e Shakespeare, di canzoni famose da George Michael ai Coldplay ai Maroon 5 e di un pizzico di magia, quella della favola. Non c’è una fata che da’ alla protagonista un vestito, delle scarpette di cristallo o una carrozza trainata da splendidi cavalli, ma ci sono degli aiutanti altrettanto validi che prepareranno Beatrice per l’incontro con il suo principe azzurro e tra un vestito di Lanvin e un accessorio di Marc Jacobs il gioco è fatto.

Mi è piaciuto molto il modo in cui è stata delineata la protagonista: una ragazza in cui tante di noi si possono riconoscere, che ce la mette tutta per rialzarsi dopo una brutta caduta sentimentale, che combatte contro la bilancia, l’insicurezza, la solitudine e che nonostante tutto vede ancora nel lieto fine.

La giovane insegnante era un caso eccezionale di single trentenne con la vita sociale piatta come una sogliola. Aveva tanti amici che non potevano fare a meno di lei per i suoi consigli ed offriva un comodo divano alle amiche fra una rottura con il nuovo boyfriend e l’altra. Una sola esperienza amorosa l’aveva bruciata, completamente.

Certo, la strada verso la felicità non è proprio lineare e l’autrice ha saputo ravvivare la storia con un bel colpo di scena.

Una lettura molto piacevole e adatta a queste belle giornate che ci fanno tornare lentamente la normalità.

L’autrice

Nata a Bolzano, è giornalista pubblicista. Fino al 2013 docente di materie letterarie e latino nei Licei, ha due lauree, una in Lettere moderne e l’altra in Storia contemporanea. Dal 2013 è Dirigente Scolastico.
Ha pubblicato il saggio “Vittorini e i balloons. Vittorini e i fumetti del Politecnico” nel 2008 con Bonanno Editore ed il libro è esposto all’American Italian museum di New York.Sempre con Bonanno nel 2013 ha pubblicato la biografia “Francesco Paolo Perez (1812-1892), patriota.Cuore siciliano, anima italiana”.

Ha scritto su “Sicilia in viaggio” dal 2009 al 2011. Scrive dal 2005 anche sulle pagine culturali de “La Sicilia” e regolarmente collabora con la redazione siracusana curando spesso pagine monografiche.
Nel 2011 ha pubblicato “Archimede e il mistero del planetario” con prefazione di Mario Geymonat, e poi anche il thriller “Archimede e l’enigma della Sfinge” (selfpublishing). Con la Oakmond Publishing ha pubblicato il romanzo “Archimede deve morire” e un racconto noir. Ha vinto il Premio Portopalo piu con A sud di Tunisi per la saggistica (2009) e il Premio del Centro Internazionale di Studi sul Barocco (2006) per gli studi su Caravaggio.

8 pensieri riguardo “Review party. Cenerentola a Venezia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...