Scoprire la propria passione: solo un mito? Ikigai il metodo giapponese

Buona domenica lettori!

Anche oggi vi parlerò di un argomento trattato nel libro di Bettina Lemke edito da Giunti, Ikigai il metodo giapponese.

Stavolta mi interessa capire quanto sia importante scoprire la propria passione.

Alcuni riescono a farne un mestiere e sono i cosiddetti specialisti, cioè coloro che hanno dedicato ogni istante della loro vita ad un solo ambito.

Poi ci sono i generalisti che hanno molteplici interessi, sempre alla ricerca di nuovi interessi e nuove avventure.

In mezzo ci sono poi quelle persone che decidono di dedicarsi a uno, due o tre ambiti principali e poi hanno anche altri interessi secondari.

Per scoprire a quale categoria si appartiene bisogna osservare cio che si è scritto negli esercizi proposti dal libro: se ricorrono sempre pochi temi ricorrenti, significa che ci concentriamo su pochi settori, se ci sono tante proposte significa che si hanno tantissimi interessi e si è attratti da tante attività.

Non c’è un profilo giusto e uno sbagliato, basta saper individuare ciò che ci rende felici, che potrebbe essere anche un’occupazione semplice e poco appariscente.

Io ho seguito il percorso e finora i temi più ricorrenti sono stati la felicità dei figli, la lettura, il lavoro e le passeggiate all’aria aperta.

E quali sono i vostri interessi e le vostre passioni?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...