Recensione. La ragazza della neve

Pan Jenoff

Newton Compton editori

Pagine 350

Prezzo due libri a 9,90 €

Sinossi ufficiale

Noa ha sedici anni ed è stata cacciata di casa quando i genitori hanno scoperto che è rimasta incinta dopo una notte passata con un soldato nazista. Rifugiatasi in una struttura per ragazze madri, viene però costretta a rinunciare al figlio appena nato. Sola e senza mezzi trova ospitalità in una piccola stazione ferroviaria, dove lavora come inserviente per guadagnarsi da vivere. Un giorno Noa scopre un carro merci dove sono stipate decine di bambini ebrei destinati a un campo di concentramento e non può fare a meno di ricordare suo figlio. È un attimo che cambierà il corso della sua vita: senza pensare alle conseguenze di quel gesto, prende uno dei neonati e fugge nella notte fredda. Dopo ore di cammino in mezzo ai boschi Noa e il piccolo, stremati, vengono accolti in un circo tedesco, ma potranno rimanere a una condizione: Noa dovrà imparare a volteggiare sul trapezio, sotto la guida della misteriosa Astrid. In alto, sopra la folla, Noa e Astrid dovranno imparare a fidarsi l’una dell’altra, a costo della loro stessa vita.

Recensione

Non ci sono due persone più diverse di Noa e Astrid: la prima giovane ed inesperta, l’altra più matura e cinica ma tra le due si instaura subito un legame molto particolare, all’inizio fatto di reciproca diffidenza e poi di complicità e rispetto reciproco, tanto che spesso Astrid dovrà ammettere che la piccola Nos riesce a vedere oltre le apparenze, dove i suoi occhi non arrivano.

Entrambe alle spalle si sono lasciate un passato ingombrante: Noa è stata cacciata dalla sua famiglia mentre Astrid l’ha persa , entrambe sono sole al mondo e ritrovano nel circo un ambiente che le accoglie e le protegge dal male che c’è nel mondo, dall’orrore delle persecuzioni razziali e dall’odio dilagante nell’Europa nazista.

Entrambe trovano nel trapezio una fuga dal mondo, un luogo da cui poterlo guardare con distacco ed imparzialità, illudendosi di trovarsi al di sopra delle sue brutture. Ma il male insegue tutti anche ad altezze impensabili e non si può fare nulla per evitarlo.

Entrambe hanno trovato l’amore nella persona più improbabile che per loro capitare ed entrambe hanno ricominciato a sperare in un futuro migliore.

Due donne forti e determinate, pronte a battersi per inseguire il loro destino.

L’autrice

Nata nel Maryland e cresciuta nei dintorni di Philadelphia, ha frequentato la George Washington University a Washington. Dopo un’esperienza al Pentagono, è stata trasferita al Dipartimento di Stato e poi assegnata al Consolato degli USA a Cracovia, in Polonia. Con la Newton Compton ha già pubblicato La ragazza della neve, un bestseller internazionale. Vive vicino a Philadelphia con il marito e tre figli. Per saperne di più www.pamjenoff.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...