Recensione. Dea cieca

Anne Holt

Agenda noir – La biblioteca di Repubblica

Pagine 347

Prezzo 7,90 €

Sinossi ufficiale

Un piccolo spacciatore ucciso per le strade di Oslo. Un ragazzo olandese fermato in stato confusionale e coperto di sangue: il sospetto ideale sul quale concentrare le indagini. La donna che l’ha trovato, Karen Borg, è un avvocato civilista, ma il ragazzo dichiara di voler parlare solo con lei e di volerla come difensore. Ma c’è un secondo omicidio, quello di un avvocato di dubbia moralità, e sembra non avere alcun legame con il primo. Sembra soltanto, però. Spetta all’ispettrice Hanne Wilhelmsen andare a fondo su entrambi i delitti, fino a intuire collegamenti impensati. Può essere davvero possibile che droga, avvocati, corruzione e perfino servizi segreti siano legati da un’unica rete?

Recensione

Non avevo mai letto nulla di questa autrice, la più nota scrittrice di gialli norvegese e devo dire che sono rimasta soddisfatta ma solo in parte.

Mi sarei aspettata un ritmo un po’ più veloce, qualche scossa di adrenalina in più, qualche colpo di scena più eclatante a cui mi hanno già abituato autori come Camilla Lackberg e Jo Nesbo.

Hanne Wilhelmsen è senza dubbio un personaggio molto ben strutturato ma non ha la profondità psicologica che mi piace trovare in libri del genere. Il suo collega giurista in forza alla polizia, Hakon Sand secondo me è un po’ debole, avrei preferito un uomo più duro e determinato.

Detto questo, la storia è interessante: un intrigo tra traffico di droga, avvocati corrotti e alte sfere dello Stato coinvolte, delle morti che sembrano non avere un senso e un’indagine molto complessa in atto.

Manca però quel quid che da’ un guizzo alla trama, che rende la narrazione avvincente e coinvolgente.

L’autrice

Scrittrice e avvocato norvegese. È cresciuta a Lillestrøm e Tromsø. Si è laureata in Legge all’Università di Oslo, finanziandosi gli studi col mestiere di giornalista televisivo, attività che ha continuato anche dopo la laurea. Dopo aver collaborato per un periodo con la Polizia di stato norvegese, ha iniziato la professione di avvocato. Dal 1996 al 1997 è stata Ministro della Giustizia. Il suo esordio come autore è del 1993, con il romanzo Blind gudinne, molto amato da lettori e critici, cui ha fatto seguito nel 1994 il secondo romanzo della serie di Hanne Wilhelmsen: Salige er de som tørster, che le ha fatto vincere il piú prestigioso premio norvegese per il crime novel, The Riverton Prize.
I due romanzi sono diventati, rispettivamente, una serie Tv e un film. Anne Holt ha pubblicato poi molti altri romanzi, tra cui una love story impossibile tra due donne (Mea Culpa), del 1997, e l’acclamatissimo Det som er mitt, del 2001, qui tradotto con il titolo Quello che ti meriti, il romanzo che introduce la nuova coppia di investigatori Inger Hohanne Vik e Yngvar Stubø, con cui Einaudi Stile libero ha scelto di cominciare a presentare al lettore italiano l’opera della Holt.
La scrittrice vive attualmente a Oslo con la compagna e la figlia.
Di Anne Holt Einaudi Stile libero ha pubblicato con grande successo nel 2008 il primo libro della serie di Vik e Stubø, Quello che ti meriti (ora anche SuperET). Nel 2009 sono usciti i romanzi Non deve accadere (SuperET 2010), La porta chiusa – dove alla coppia Vik e Stubø si affianca la stessa Hanne Wilhelmsen -, e nel 2010 La dea cieca, vincitore del Premio Riverton per il miglior giallo norvegese dell’anno e il romanzo La vendetta. Del 2011 la traduzione di L’unico figlio. Del 2012 sono Nella tana dei lupi e Il ricatto; del 2013 Crimini e ricettee L’unico figlio. Tra i suoi ultimi romanzi ricordiamo: Quale verità (2014), Quota 1222(2015), La minaccia (2016), La paura (2017), Il presagio (2017), La condanna (2018).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...