Cover reveal. Francesco

Gennaro Carrano

Pagine 99

Disponibile in Ebook e Gratis per KindleUnlimited e Cartaceo ordinabile Online e nelle Librerie Fisiche
https://www.amazon.it/

Sinossi ufficiale
Una famiglia come tante nell’affrontare le difficoltà quotidiane, tutto appare quasi perfetto, in equilibrio sul focolare domestico in fiamma viva. Salvo gestisce la sua bottega, innamorato di sua moglie Annarella che è qui sempre pronta ad attenderlo, indaffarata con le faccende domestiche e tenendo a bada il loro piccolino: Francesco. Quando gli ostacoli e i debiti sembrano ormai una montagna fin troppo ripida da scalare, ecco, da quella fiamma viva si materializza un demone, il demone dell’usura ad ardere tutto ciò che incontra sul suo cammino. Il dolore, le bugie, la solitudine, l’omertà, il terrore. I bambini per quanto possano essere tutelati diventano facilmente vittime della realtà e il risultato non può che essere spietato. Francesco.

“Angioletto, Angioletto, non ho paura se mi tieni sul tuo petto,
       proteggimi fra le tue ali, allontana tutti i mali” 

Estratto

Annarella, Salvo e loro figlio Francesco sono i membri di una famiglia umile ma ricca d’amore, come tante, indaffarata con la quotidianità.  La scena si apre nell’umile dimora ove Annarella essendo casalinga si prende cura della casa, ha i capelli ben sistemati, il viso con un leggero rossetto in attesa che arrivi il marito Salvo che è a lavoro, mentre loro figlio Francesco è nell’atrio a giocare con gli amichetti. Annarella è in cucina.  

ANNARELLA  ‘Hé venì mò mò ‘cca

FRANCESCO   Cinque minuti ma’ e poi vengo

ANNARELLA  Stai tutte sudate! Si vene patete, aé 

FRANCESCO  Mò vengo

ANNARELLA  T’hé fa’ ancore ‘a matematica

FRANCESCO  (Non l’ascolta)

ANNARELLA  Francé nun me fa’ venì ‘lloche cch’haje ‘e mazzate annanze a tutte quante…

FRANCESCO  (Continua a non ascoltarla)

ANNARELLA  (Gli lancia una pantafola) 

FRANCESCO   Wagliù me ne trase

ANNARELLA  Puorteme ‘a pantofele e lievete ‘e scarpe primme ‘e trasì ca mezz’ore fa aggio fernute e fa’ ‘e servizje, sta ancora bagnate pe’ terre

ANNARELLA  (Appena Francesco entra, la madre lo prende per le orecchie) Quanne te chiammo ‘he venì! (Lavandogli le mani, e subito dopo) Mò fatte ‘a matematiche e nun mangi fino a quanne nun ‘he fernute

FRANCESCO  ‘A matematica, ‘a matematica, ma si nun ‘a saccio fa’, ma che ffà? So’ bravo dint’a ati ccose

ANNARELLA  (Pulendo con lo straccio) E sarebbero?

FRANCESCO   Ehm…

ANNARELLA  (Continuando a pulire) Quali Francé? Si’ bravo a te scurtucà ‘e pelle pazzianne, a te nzevà. Nun vaje buono manco in religione! Quanne vengo a parlà cu ‘e maestre me metto scuorne, Scuorne Francé. E dicene “Signò il ragazzino va seguito” E se pensene ca nuje nun te stamme semp’appriesse, e chi c’o va a dicere a ‘lloro dda wuerre che facimme ije e patete pe’ te fa crescere buono, ‘e sacrifici, ma tu si nu wagliuncielle e nun ‘e capisce, anzi nun ‘e vuò capì.

FRANCESCO  Comme si pesante

ANNARELLA  Fatte ‘e compite mò

SALVO  (Entrando in casa dopo il lavoro) Finalmente a case (Baciando la moglie) Ha fatt’o brave? (da dietro la schiena rivela un dolce)

ANNARELLA  Salvatò nun c’hé da’ niente primme ca fernesce ‘e compite

SALVO  ‘Hé fatte ‘ncazzà a mammete eh?

FRANCESCO  No

ANNARELLA  Zitte e ca cape ‘ngoppe ‘e libre

SALVO  Allore cheste l’hai aroppe, si te faje tutt’a matematica, pe’ te invece (rivolgendosi alla moglie, le offre una rosa rossa) Chest’è pe’tte

ANNARELLA  Com’è belle! Grazie Salvatò ma nun è ‘o nomme mije

SALVO  E ce vò ch’è ‘o nomme tuoje pe’ te fa’ nu regale? E poi tu si cchiù bella ‘e stu ciore e ‘dde tutt ‘e ciure (Baciandola)

FRANCESCO   Bleah, se se, vò coccose papà, ma’!

ANNARELLA  ‘O sape pure figljete ‘he viste? (Rivolgendosi al figlio) Però tu t’hé sta’ zitte, fatt’e compiti. Però ‘o criature tene ragione, che vuò?

SALVO  (Fingendo il sentirsi offeso) Uh sei prevenuta, anzi (puntando il dito contro madre e figlio) siete prevenuti, tala mamme, talu figljo!

ANNARELLA  Comme si nun te cunuscesseme

SALVO  (Allontana la moglie dalla stanza per non farsi ascoltare dal figlio, sussurrando) Stasera, te desidero

ANNARELLA  (Sorridendo) Hahaha e c’era bisogno d’a rose? Pur ijo te voglio Salvatò

SALVO  (Baciandole il collo) Sempe sempe, tutt’e rose che vuò

ANNARELLA  Jà mò famme fernì ‘e cucenà!

SALVO  ‘O dolce vene aroppe

ANNARELLA  Hahahah Shhh 

SALVO  Me vaco ‘a lavà 

ANNARELLA   Nun me allagà ‘o bagne e nun rimané ‘e panne miezze, sistiemele, ijo tengo a duje criature, no uno (Come a rivolgersi al pubblico) Due

GIUSEPPINA  Annarella bonasera, si può?

ANNARELLA  Trase trase Giuseppì, assiettete

GIUSEPPINA  (Sosprirando trovando sollievo)Ah, e m’assetto cinque minute, me fanno male ‘e cosce, so’ gghjiute a fa’ ‘a spese, sto turnanne mò. Aggio pigliate doje zucchine ‘e cchiù, tié, pigliatelle

ANNARELLA No no, lascia sta’ 

GIUSEPPINA  Tié, c’e ffai dimane ‘o criature

ANNARELLA  Quanto t’aggia dda’?

GIUSEPPINA We e che m’hé dda’? ‘Na tazzulelle cavere cavere ‘e café 

ANNARELLA  E mò ‘a faccio e cc’a bevimmo, però a te, te piace cu tante zucchere e a me è poco, m’è fernute, dimane ‘o vaco a ll’accattà

GIUSEPPINA  L’aggio accattato (Lo tira fuori dalla busta) Pigliete nu bicchiere accussì fino a dimane ‘e matine si te vene ‘o vulije ‘e n’atu café c’a faje

ANNARELLA  Grazje Giuseppì (Prende il bicchiere e ci mette lo zucchero) 

Nel frattempo sale il caffé e lo bevono

GIUSEPPINA  (A Francesco) Staje facenne ‘e compite Francé? Brave brave, comm’è bravo stu criature

ANNARELLA   Giuseppì zitte, m’ha appena fatto sgulà, me fa spazientì, nun me sta’ a sentì

GIUSEPPINA  We tu ‘hé fa’ ‘o brave, mamma e papà fatichene pe’ tte

FRANCESCO   Mamma mica fatica?

ANNARELLA  ‘O vide?

GIUSEPPINA  Nun fatica? E chi te pripara il pranzo e la cena, chi te pose ‘e giocattele? Chi pulezze ‘a case? Nun se stanca mamma toje? E si se stanca è pecché fatica

Francesco continua a fare i compiti

GIUSEPPINA Però Annaré, guardete sempe arete, tengo a figljeme ca nun ‘o capisco cchiù, nun ce sta maje. Mentre poi ce sta e rire e pazzeja, se fa strane, se ‘ncazze , se ne jesce. Quanti vote me so’ appiccecate “Questa casa nun è n’albergo” dico, poi ce penso acoppe e ce chiedo ‘e mettere pace, di far tacere le parole che si volene grosse fanne male, male al cuore

ANNARELLA  Forse è l’età

GIUSEPPINA  Figlje piccerille, wuaglie piccerille. Figlje gruosse, waglije gruosse

SALVO  Buonasera 

GIUSEPPINA  Buonasera Salvatò, jà fammene ì, aggio appriparà ancore pe’ mangià. Buon appetito

ANNARELLA  Grazje ancora. Buona serata

Quando Giuseppina se n’è andata

ANNARELLA  Guarda Salvo, che belli zucchine m’ha purtate Giuseppina, me l’ha regalate

SALVO  Eh comm’è bella sta zucchina

ANNARELLA  Hmm jà Salvatò, ‘a stessa capa

FRANCESCO   L’ultima operazione (Alla madre) Ma’ 4 x 3, non so

ANNARELLA  Chiedi a patete, t’aggio ajiutato ajere cu ‘a tabellina dd’o quattre, allora nun me stive sentenne? Scuorne, ricuordete Francé…Scuorne!

FRANCESCO  (Al padre) Pa’ aiutami, solo stavolta si no la maestra s’incazza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...