Rewiew party. Su misura

Erin Nicholas

Triskell edizioni

Pagine 274

Prezzo eBook 4,99 €

Aveva programmato di far tornare Ben a lavorare al St. Anthony, ma lui era più felice a bollire il latte. Aveva programmato di non innamorarsi assolutamente di lui. Soprattutto se lui fosse stato più felice a bollire il latte. Era colpita da lui in qualsiasi scenario, e le piaceva vederlo felice… anche quando bolliva il latte. Niente procedeva secondo i piani.

Oggi partecipo al rewiew party di questo nuovissimo romance che mi è stato gentilmente offerto dalla Casa editrice Triskell .

Sinossi ufficiale

Ben Torres, traumatologo e chirurgo d’urgenza, è abituato a dare ogni giorno il 200% per salvare vite al Pronto Soccorso.

Ma la pazienza di chiunque ha un limite, soprattutto quando si viene aggrediti da un ubriaco che ha appena causato un incidente mortale… e si finisce per stenderlo con un pugno sul naso.

Vale davvero la pena darsi da fare quando per tanta gente la propria vita e quella altrui conta così poco?

Tocca a Jessica Bradford cercare di farlo ragionare, farlo scendere dallo sgabello di quel bar dove Ben si è rintanato per smaltire la rabbia, e farlo rigare dritto fino al termine della sospensione.

Dopotutto, lei, in quanto direttore del Pronto Soccorso ha dei doveri… primo tra tutti, quello smetterla di fantasticare sul bel Dottor Torres, per il quale ha un’enorme cotta.

Ma soprattutto quello di riportare il suo miglior medico sulla retta via

Operazione che pare quasi impossibile, però, a meno che Jessica non riesca a tentarlo con una scommessa…

Che la mette ancora di più nei pasticci!

Quarantotto ore filate della sua totale attenzione, tanto ora gli deve.

Ma, dopotutto, che potrà mai succedere in due soli giorni?

Recensione

Leggere questo libro mi ha ricordato molto le vicende di una serie TV che seguo da molto tempo, Grey’s Anatomy, uno dei medical drama più popolari degli ultimi anni.

Al centro della storia ci sono due operatori del settore sanitario, Ben, uno straordinario chirurgo d’emergenza e Jessica,una efficientissima infermiera nonché Direttrice del Sergio d’emergenza.

Fin dalle prime righe è palpabile l’elettricità che scorre tra i due, l’attrazione che li lega ma che entrambi cercano di tenere a bada soprattutto per non intralciare il loro lavoro, che richiede la massima attenzione e precisione, senza un margine di errore, con il rischio di mettere in pericolo delle vite umane.

Ben si sente frustrato perché a volte queste vite gli scivolano via dalle dita senza che lui riesca a farci nulla e perché molti sono incoscienti e mettono a repentaglio se stessi e gli altri con la massima noncuranza.

Suo padre gli ha insegnato l’importanza del sacrificio e dell’impegno con cui va svolto il proprio lavoro, ma dopo tanti anni in prima linea per aiutare gli altri Ben è esasperato e non crede più che fare il medico sia la sua vera vocazione. D’altra parte la sua tendenza a drammatizzare le situazioni e a gettarsi sull’alcol come rimedio non lo aiutano. A questo penseranno i suoi amici e in particolare Sam, fratello di Jessica, l’infermiera più sexy con cui Ben abbia mai lavorato nonché suo capo.

Se Ben è impulsivo e passionale, Jessica invece è seria e super responsabile, un po’ rigida, poco incline agli stravolgimenti della sua routine e ai colpi di testa.

Sono due mondi che a prima vista sembrano agli antipodi, ma leggendo il libro si scopre che hanno in comune molto più di quanto essi stessi pensino: sono due anime destinate ad incontrarsi e ad incastrarsi perfettamente, in quella danza meravigliosa che è la vita.

L’autrice

Estratti

Trovava straordinario il fatto che l’infermiera sempre-responsabile, so-sempre-quello-che-faccio – che profumava sempre di zucchero – sembrasse improvvisamente confusa. Si chiese, se fosse sorpresa per la sua stessa reazione a lui, o per la reazione di lui a lei. Era molto probabile, che non avesse avuto idea che lui fosse sessualmente consapevole di lei prima di quel momento. Era bravo in molte cose, e concentrarsi sul suo lavoro – nonostante le distrazioni come i bip dei monitor, i familiari sconvolti e le colleghe sexy – era una di quelle. In realtà, era stato attratto da lei sin dal primo giorno. Aveva osservato Jessica gestire il personale del pronto soccorso con un’affascinante combinazione di umorismo e severità, svolgere da sola i compiti più sporchi e duri, per poi piangere con la madre di un paziente dopo averle dato la notizia, che il figlio sarebbe sopravvissuto. Poi aveva visto il filo rosso ciliegia del suo tanga e, di botto, mentre era intento a clampare una valvola pilorica lacerata, gli era venuto duro. Per alcuni secondi, tutto quello che era riuscito a fare era stato immaginare quanti altri colori nascondesse nel suo cassetto della biancheria. Erano stati quei secondi a farlo preoccupare. Alcuni secondi, nel pronto soccorso, potevano fare la differenza tra la vita e la morte.

E non poteva dimenticare il primo giorno in cui l’aveva visto: era entrato nel pronto soccorso come un generale in un centro di controllo. Nel bel mezzo del caos e dell’adrenalina, del rumore e della frenesia, Ben aveva portato calma e sicurezza. Non aveva mai sentito il suo nome prima di quel momento, ma ricordava ancora in maniera distinta il momento in cui il Dott. Torres era arrivato e lei era stata pervasa dalla sensazione che tutto sarebbe andato bene. Jessica amava la calma e la sicurezza. E voleva qualcuno in grado di placare la tempesta, che in un attimo sapesse di cosa c’era bisogno, che potesse provvedere. Voleva qualcuno che desiderasse salvare il mondo accanto a lei. E non solo al lavoro.

«Ascolta e fa attenzione alle esigenze della gente. Poi è abbastanza intelligente e generoso da trovare un modo per riuscire a soddisfarle. È il suo dono.»

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...