L’altra faccia della luna

Simona Mendo

Literary romance

Pagine 256

Prezzo 13,90 €

Mi sono appassionata recentemente ai romance e ultimamente ne ho letti veramente molti: alcuni ambientati nell’epoca vittoriana, uno collegato alla spedizione dei Mille di Garibaldi, altri contemporanei e metropolitani. Ognuno a suo modo mi ha colpito, ma finora non mi ero mai imbattuta in un libro come questo di cui ora vi parlerò, grazie all’autrice e alla Literary romance che mi hanno dato la possibilità di leggerlo.

Sinossi ufficiale

Luna ha solo diciotto anni quando vive l’esperienza più terrificante della sua vita. È il giorno del suo compleanno. Esce di casa per andare alla festa che gli amici le hanno organizzato, ma alla quale lei non arriverà mai. Un uomo, stregato dalla sua bellezza e dai grandi occhi scuri, come un folle la segrega in casa propria. Il problema è che Luna lo ama. Ama da sempre quello che è diventato il suo carceriere e seppur lo detesti per ciò che le sta facendo, non smette di esserne attratta… Una storia forte, adatta a un pubblico adulto, dove i traumi vengono a galla e le verità taciute. Un passato che torna portando con sé la speranza.

Recensione

Alla base di questo libro c’è una storia d’amore molto particolare che lega Luna al suo carceriere: la ragazza lo ama da sempre e fa sogni impossibili su di loro, anche lui ne è innamorato ma all’inizio il suo è un amore malato, ossessivo, forse perché crede che non sia corrisposto, quindi decide di rapirla e di tenerla chiusa in casa. La passione tra i due divampa e Luna fa fatica a non lasciarsi andare completamente, perché comunque non aveva immaginato che con l’amore della sua vita le cose andassero in questo modo, con lei che viene relegata in un mini appartamento insonorizzato ma con tutti i comfort e lui che la possiede con una foga inaudita.

Luna e Furio sono i due protagonisti principali: lei è la classica brava ragazza, seria, impegnata, studiosa e da sempre innamorata dell’architetto vicino di casa, Furio, un uomo che è stato colpito dalla bellezza di quella bambina silenziosa e attenta, che l’ha vista crescere e diventare una splendida donna e se ne è perdutamente innamorato.

Ma attorno a loro ruotano anche altri personaggi dalla cui voce apprendiamo lo svolgimento della storia: Stella e Angela, rispettivamente la sorella e la madre di Luna, e Giorgio, un amico di Luna.

In particolare mi ha colpito il racconto che fa Stella a proposito della sua famiglia, dove apparentemente tutto sembra perfetto ma in realtà c’è un grande segreto che grava sui suoi componenti.

Questa è la storia, in breve, della mia famiglia o, meglio, è la lezioncina che ho imparato a memoria e che devo ripetere a chi mi fa notare che ho genitori giovanissimi, che mia sorella non mi assomiglia per niente, che ci siamo isolati dal resto del mondo e allontanati dai parenti andando a rintanarci in un luogo sperduto ai margini della città. La mia è la tipica famiglia del Mulino Bianco, che ama vivere in campagna, nutrirsi dei prodotti che la natura offre e, soprattutto, tenere ben nascosti nell’armadio quegli scheletri che nessuno dovrà mai riportare alla luce.

[…] Preferisco di gran lunga quando siamo noi tre, (ndr. Stella, Luna e la madre) perché chiacchieriamo tutto il tempo e io racconto cosa ho fatto a scuola, e poi ridiamo, e perfino Luna parla tanto ed è sempre sorridente. Se c’è papà, invece, Luna sta sempre zitta o risponde a monosillabi. Lui non fa che trattarla male: non le parla quasi mai, se non per sgridarla o mortificarla. Non le chiede come è andata a scuola, non le fa i complimenti per i bei voti che prende, non è mai affettuoso con lei. Con me sì, fa tutte queste cose, e mi sento in colpa perché vorrei che fosse un po’ meno gentile con me e un po’ più con lei.

Mi è piaciuto molto il modo in cui un tema molto delicato come la violenza sulle donne sia stato trattato nel libro, dando all’argomento un taglio diverso dal solito, cercando in un certo senso di stemperarlo legandolo ad una storia d’amore.

Mi è piaciuta anche la narrazione a più voci che da’ modo di guardare gli stessi eventi da punti di vista diversi.

L’unica cosa che non ho gradito molto è la soluzione finale, non tanto perché c’è lo svelamento del segreto della famiglia di Luna, quanto perché c’è un ricongiungimento che non mi sarei aspettata e che mi è sembrato un po’ troppo forzato.

Nel complesso una bella storia che consiglio a chi voglia un romance davvero fuori dai soliti schemi.

L’autrice

Estratti

Lo amo da tutta la vita e lo amerò per sempre, ma non so se sarò mai in grado di perdonarlo per quello che mi sta facendo. Per avermi rubato il cuore e averlo incatenato al suo.

Perché, se anche mi libererà, il mio cuore non sarà mai più in grado di tornare da me.

E questa è la mia paura più grande, che mi fa svegliare di notte, in affanno: quando si sarà finalmente stancato di me (perché tanto prima o poi succederà) e mi lascerà libera, so che, oltrepassata la soglia di casa sua, non ricomincerò a vivere, ma inizierò a morire molto lentamente.

Il mio cuore batte per lui.Il mio petto anela un suo caldo abbraccio.La mia bocca brama la dolcezza delle sue labbra.Le mie mani fremono per unirsi alle sue.E le mie orecchie desiderano ascoltare la sua voce che mi sussurra che mi ama e che non può vivere senza di me. Proprio come io non posso più vivere senza di lui.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...