##larecensionedellunedi Dietro ai miei occhi

Martina Dugaro

Bookabook

Prezzo 16,00 €, eBook 6,99 €

I libri della Bookabook sono sempre una garanzia e ultimamente ne ho letti diversi, tra cui questo.

Trama

Zacharias e Tasya sono due giovani le cui vite si intrecciano in modo tragico e casuale: le loro auto sono coinvolte in un incidente, a causa del quale la ragazza perde la vista e il giovane si offre di aiutarla ad esaudire 10 desideri.

Attorno a loro ruotano la fidanzata di Zacharias, Annabeth, i genitori e il miglior amico di Tasya, Calvin e Kol, un ragazzo che si innamora di Tasya.

Recensione

Il libro racconta la storia di questi personaggi alternando i capitoli dedicati ad ognuno.

L’aspetto più interessante del libro è rappresentato dai capitoli in cui Tasya parla di se’ dopo l’incidente, della depressione, del rifiuto della vita, dell’impossibilità di riuscire a farcela. Si sente tutta la disperazione di una ragazzina che ha perso ogni speranza, che è caduta in un baratro, in un precipizio senza fine di dolore e disperazione e che non trova appigli per risalire, nonostante le persone che la circondano e le tendono una mano.

I capitoli su Zacharias e Annabeth li ho trovati un po’ più banali, ma mi ha colpito molto la descrizione che egli da’ di se stesso all’inizio del romanzo.

La mia vita è come un bicchiere d’acqua e olio in procinto di straripare. In chimica, non costituendo un miscuglio eterogeneo, non sono miscibili e presentano due casi nello stato fisico e chimico. Non si uniscono fra loro proprio come dovrebbero fare le due parti della mia persona. L’olio rappresenta la realtà lavorativa: il mio capo non mi trova simpatico e non si fida di me sebbene non gliene abbia mai dato motivo. Tutto ciò che faccio è vagare dalla macchinetta del caffè al suo studio, per poi tornare alla mia scrivania e compilare pile di documenti. Non sono il tipo che se ne sta con le mani in mano e cerco sempre di dare il meglio di me per ottenere una promozione, ma senza successo. L’acqua, invece, raffigura la vita privata, quella al di fuori delle quattro mura del mio ufficio. Ogni giorno, dopo il lavoro, mi fermo al bar in fondo alla strada insieme a Yamama e Milton, i miei due migliori amici, per sorseggiare in tranquillità l’unica gioia della giornata: un bicchiere di birra. È una tradizione che va avanti da tre anni, nessuna sera esclusa, e ormai non posso più farne a meno. La persona che sono in ufficio è totalmente diversa da quella che sta seduta al bar a ridere e scherzare. Se queste due parti si unissero, non oso nemmeno immaginare cosa potrebbe accadere.

Molto intense sono le riflessioni e le definizioni dell’amore date dai due protagonisti: Zacharias ne ha una concezione più profonda perché l’ha già sperimentato.

«Il vero amore è ogni respiro condiviso, ogni carezza, ogni sguardo… È questione di attimi. È attraversare un oceano per quella persona se necessario, camminare in mezzo al fuoco della vostra passione. Siamo fatti per dare, ricevere e vivere d’amore ed è qualcosa di talmente potente che fai fatica a contenerlo. Così lo condividi con la persona che senti possa meritarlo, che resterà nel bene o nel male, quel sentimento che cercherai nell’altro nei momenti più difficili. E lei sarà lì per te. Il vero amore non è quello che colpisce, ma quello che arriva in silenzio e penetra nel tuo cuore senza che tu te ne accorga.»

Tasya invece non l’ha ancora conosciuto e lo considera in modo più cinico e disincantato, non ci spera neanche più.

Perché tutti parlano dell’amore come se fosse qualcosa in grado di salvarti? Può un’emozione farlo o siamo noi che cerchiamo di convincerci di questo? Se qualcuno vuole salvarsi lo fa da solo e non aggrappandosi a una presenza astratta che potrebbe svanire da un momento all’altro.

Altro argomento molto delicato trattato nel testo è quello dell’omosessualità e della difficoltà di esternare i propri sentimenti per la paura di non essere accettati, in particolare dai propri genitori.

Una lettura articolata facilitata da una scrittura serena e fluida, con un’attenzione per la psicologia dei personaggi molto profonda e precisa, fino ad arrivare alla parte più nascosta dell’anima.

Trovate il libro in pre-order al seguente link

https://bookabook.it/libri/dietro-ai-miei-occhi/

L’autrice

Nata a Udine nel 2002, Martina Dugaro si avvicina al mondo della lettura sin da bambina in cerca di storie grazie alle quali sognare a occhi aperti. In breve tempo comincia a scrivere, perdendosi in pagine bianche e scritte nere e dando vita a numerosi personaggi che in parte la rappresentano. Ama scattare fotografie per catturare ogni ricordo e reinterpretare la realtà con semplici disegni. 
“Dietro ai miei occhi” è il suo primo romanzo.

4 pensieri riguardo “##larecensionedellunedi Dietro ai miei occhi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...