Recensione. Tu mi attraversi l’anima

Arianna Frattini

Casa editrice Kimerik

Pagine 154

Prezzo 13,60 €

«E allora, non attaccarti alle certezze, l’unica cosa sicura è il cielo e la terra su cui cammini» gli ripeto che io in strada non ci vado a vivere, lui sostiene «Per avere delle certezze prima bisogna perderle».

In collaborazione con la Casa editrice Kimerik oggi vorrei parlarvi di questo libro di Arianna Frattini, uscito il 20 maggio.

Trama

Giada lavora in un ristorante come cameriera, è fidanzata con un ragazzo perfetto sulla carta, che la ricopre di attenzioni e la vuole sposare. Anche la madre del futuro sposo è molto presente e attenta, forse troppo. In tutto questo Giada si sente soffocare, non è mai felice, sente che c’è qualcosa che non va, finché la sua vita si intreccia con quella di David, un ragazzo che vive sui vagoni abbandonati del treno, un outsider che le fa vibrare qualcosa dentro.

Recensione

La protagonista principale è Giada, una ragazza semplice, che ha delle certezze: un lavoro, una casa, un fidanzato. Ma tutto questo non la fa sentire bene. Sarà perché ha sempre vissuto la sua vita assecondando gli altri e quando si trova a doversi assumere la responsabilità delle sue scelte, non sa che fare. È chiamata a crescere, a compiere un passo importante, una specie di salto nel buio.

Matteo è il perfetto partito da sposare: troppo compassato, troppo perfetto per i miei gusti, lo stereotipo del giovane di buona famiglia, serio, gran lavoratore ma non è quello che Giada vuole.

Matteo, ora che siamo insieme, non si lascia più trasportare dalle romanticherie, lui è molto equilibrato, ordinatissimo, non perde mai il controllo, non si lascia mai prendere dall’emozione, neanche quando fa l’amore, e io talvolta mi sento soffocare.

[…] Matteo lavora in banca, è il classico bancario ben vestito, uscito dall’università con il massimo dei voti, il classico bravo ragazzo non fuma, sempre in anticipo al lavoro, praticamente un uomo perfetto.

David è il pericolo, la vita sopra le righe, la ribellione, la sregolatezza, la vita spinta al limite, il proibito.

David ha la passione per la musica, a dodici anni suonava la chitarra in camera sua, la chitarra è stata la sua salvezza, la sua bambina come la chiama lui.

[…]

siamo due forze opposte, lui è così diverso da me, ma in questo momento siamo uniti nel corpo e nell’anima.

Dei tre personaggi quelli che ho apprezzato di più è stato David, un ragazzo con un passato pesante, i due genitori morti uno dopo l’altro, poi gli spinelli, la musica e l’alcool saranno i suoi compagni di vita, una vita da sballo con un grande vuoto da colmare.

Chi decide che cosa ci può fare felici? Una famiglia, un marito, una bella casa bastano? Avremo mai il coraggio di scegliere la nostra felicità e di abbandonare tutto?

Giada sembra indicarci una risposta a questi difficili quesiti.

L’autrice

Arianna Frattini nasce e vive a Legnago. Ha frequentato la scuola di teatro a Verona e il suo sogno è bambina, insieme all’amore per la montagna e per la natura in generale, è così forte da essere parte principale della sua vita insieme al lavoro presso il ristorante di famiglia.

6 pensieri riguardo “Recensione. Tu mi attraversi l’anima

  1. Buongiorno💙
    Un libro davvero bello, mi ispira moltissimo.
    Anche se sono una ragazza abbastanza tranquilla e molto timida, nel ragazzo mi piace trovare un po’ il mio opposto…deve sapermi conquistare con ogni singola cosa!!
    Rachele⚜️

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...