Il gioco del suggeritore Donato Carrisi

Il nuovo libro di Donato Carrisi è una graditissima conferma del talento di questo scrittore italiano che non ha niente da invidiare ai grandi maestri del giallo internazionali. Nel testo ritroviamo alcuni dei personaggi e molti riferimenti a quanto successo ne Il suggeritore e la trama è come sempre avvincente e a volte inquietante.

Mila Vasquez viene catapultata di nuovo, suo malgrado, in  una caccia all’uomo che la porta a fare i conti con il lato più oscuro dell’animo umano. Nonostante si sia allontanata dalla sua vita precedente per proteggere se stessa e soprattutto sua figlia dal male allo stato puro che ha incontrato in passato, si trova coinvolta in una nuova indagine che la vede lavorare di nuovo fianco a fianco con i suoi ex colleghi e che la riporta nel Limbo, il luogo dove si svolgono le indagini sulle persone scomparse. Anche stavolta si tratta di una corsa contro il tempo per stanare il nuovo suggeritore che sta dando la caccia a Mila e che scova le prede da manipolare in un mondo parallelo dove ognuno può creare un proprio avatar e sfogare i suoi desideri più crudeli e inconfessabili.

Ogni volta che si ha l’impressione  di aver capito chi si cela dietro il mostro a cui Mila sta dando la caccia, la storia ci rivela uno scarto improvviso e inaspettato. Carrisi è abilissimo a tenere le fila del racconto con un ritmo veloce e incalzante, una prosa asciutta ed essenziale al quale l’autore ci ha abituato con i suoi romanzi precedenti. Le scene si svolgono sotto gli occhi del lettore in modo vivido, come se ci si trovasse a fianco di Mila o addirittura nella sua mente, si sentono gli stessi brividi che lei prova nell’addentrarsi ogni minuto di più nel gioco perverso e nelle trappole che il suggeritore le tende e il sollievo finale non ci toglie di dosso la consapevolezza che abbiamo appena finito di leggere un romanzo che riproduce in modo inquietante delle situazioni che potrebbero verificarsi, in un futuro neanche troppo lontano.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...